Detachment

Barock Project
Format: CD digipack

Diventa il primo a recensire il prodotto

Disponibilità: Disponibile

17,00 €

Introduzione Veloce

Barock Project - Barock Project

Detachment

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Dettagli

Da truemetal.it


"Quinto album per i prodigiosi modenesi Barock Projest, una delle migliori realtà progressive italiane. Non userò mezzi termini, Detachment è un disco eccezionale e riesce a strappare consensi al primo ascolto, cosa rara di questi tempi. La copertina è intrigante (degna dei Kamleot), il minutaggio generoso. I dodici pezzi che compongono il platter presentano un ventaglio sonoro dei più variegati e la bravura tecnica dei quattro musicisti chiamati in causa è indiscutibile. Circa il mixing, il lavoro svolto da Luca Zabbini (anche al mastering) è meritorio.
 
Ma veniamo alla musica. Dopo un intro raffinato di pianoforte, “Promises” è un opener che sa dire il fatto suo. Inserti di musica elettronica, drumwork poliedrico e incalzante, vengono in mente i Porcupine Tree, ma la positività che si respira è altra cosa. Con un inizio di questa caratura l’ascoltatore non può che sentirsi ancor più invogliato a proseguire la scoperta dell’album. Meno tirata la seguente “Happy to See You”, ma non manca la classe e un hammond nel finale che ricorda i fasti degli IQ.
“One Day” è aperta da un giro di chitarra acustica e si rivela un pezzo falotico con inserti di nacchere, flauto traverso e linee di basso corpose. Il refrain è melodico e un filo stucchevole, ma perdoniamo questo e altro ai nostri. Un respiro affannato e inserti etnici in “Secret Therapy”, brano umbratile che svela un ritornello solare e catchy; canzone più lunga in scaletta, “Broken” regala, invece, nove minuti dii emozione pura. La voce di Peter Jones e Ludovica Zanasi donano maggiore spessore al brano che nel finale richiama anche gli ultimi Dream Theater rockettari. “Old Ghosts” e “Alone” sono pezzi atmosferici, due mini-ballad che mantengono il tracciato sonoro su binari di qualità e ricercatezza. “Rescue me”, dal canto suo, è un hit ammiccante e divertita, i BP sanno cambiar atmosfera in pochi secondi, con giusto effetto sorpresa. Nel finale d’album segnaliamo i fuochi d’artificio strumentali in “A New Tomorrow” e i momenti di follia presenti nella conclusiva “Spies”, tra Pink Floyd e i già citati DT.
 
In definitiva Detachment è un album ricercato, curato nei minimi dettagli, eclettico e dalla grande longevità. Vengono in mente sonorità vicine ai Riverside e a Steven Wilson, quasi ci si dimentica che i Barock Project non sono anglofoni… La classe non è acqua e va premiata, i BP sono ormai tra gli alfieri indiscussi della grande musica progressive italiana. Con un simile full-length possono puntare davvero in alto."

***

On 20 March 2017, Barock Project will release their sixth album, a CD entitled DETACHMENT. The fifth studio album for the Italian band, opening their second decade of history in a steady rise into the prog symphonic rock world. Following the 3 reprints of Skyline (2015) and the double live CD Vivo (2016) acclaimed by international press and sales in 40 countries, the band delivers a brand new set of music after a full year of studio sessions started as soon as former vocalist Pancaldi left Barocks. Thirteen tracks that  take the listener on a magical musical tour around rock, symphonic, jazz, folk, metal, electronic and even distant hints of oriental and flamenco, led by the versatile instrumentalist Luca Zabbini, this time also lead vocalist and unstoppable composing soul of Barock Project.
DETACHMENT is an album far more straight and essential than previous, less muscle and more substantial elegance, a choice made for a communicative reason that is perhaps more directed to the band itself. As announced by Zabbini: “I started so many years ago writing music to feel good, I think this is the main reason why I do it. And at times you realize that you can do very well without writing long and complex suites, basically forced by the fact that this music labeled “Prog” must necessarily have all these features to be it. But I think that this, too, can be considered kind of a ”Detachment” … and so I felt free to write more easily. I always thought that if the music I write comes from within then it is honest. And if I’m honest with myself, I’m happy. ”
The musical approach stays elegant, serious but communicative, respectful of traditions but in line with contemporary music evolution. Very special Guest in DETACHMENT, the British vocalist Peter Jones (Tiger Moth Tales, Camel, Red Bazar, Colin Tench project…) signs three beautiful lyrics and performs his warm and magical singing on two tracks.

houseofprog.com

TRACKLIST:

1) Hypnos (intro) -
2) Sex Garden -
3) Ectoplasm -
4) Here came the medicine man -
5) Rolling Thunder (Raw’n’Roll) -
6) Vacuum Dreamer -
7) Welcome to the Circus Nebula -
8 ) 2 Loud 4 the crowd -
9) Electric Twilight -
10) Head-Down -
11) Mr. Pennywise -
12) Spleen (Remastered)

Informazioni Aggiuntive

Artista Barock Project
Catalogo ARTALIA/22R
Etichetta Indie
Formato CD digipack
Anno 2017