Synthi Time

Piero Umiliani
Format: LP+CD

Diventa il primo a recensire il prodotto

Disponibilità: Disponibile

19,99 €

Introduzione Veloce

Piero Umiliani - Synthi Time

Synthi Time

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Dettagli

“Synthi Time” è forse uno degli album più indicati – a fronte di una discografia mastodontica – per apprezzare in pieno le qualità compositive e sperimentali di Piero Umiliani, per una volta lontano dalle classiche colonne sonore che l’hanno reso così amato e persino da sonorizzazioni ricercate a livello sonoro come “Genti e paesi del mondo” o “Problemi d’oggi”, uscita a nome Zalla. In questo caso, ci piace immaginarlo assorto nel suo studio Sound Work Shop, intento a sperimentare con i sintetizzatori con la stessa foga di un principiante alla ricerca del suono perfetto. Pur senza rinunciare mai a elementi pop(olari), Umiliani pare quasi anticipare (o quanto meno essere in piena sintonia) con certe ricerche sonore che caratterizzeranno le carriere di autori come Roedelius o Moebius in Germania.

Come rivelava lo stesso sottotitolo, si trattava di ‘un nuovo modo di fare musica’ attraverso l’utilizzo del sintetizzatore elettronico – si parla del 1971 – a cui si aggiungono per brevi momenti la spinetta e l’organo Hammond. E, se si eccettuano altri piccoli capolavori come “Il mondo dei romani” e “Tra scienza e fantascienza”, l’Umiliani più ‘avanti’ lo troviamo proprio tra le tracce di “Synthi grottesco”, “Synthetic Water” (davvero incredibile), “Synthi pianol”a e “Synthi pastorale”, ottimi esempi di un maestro alle prese con nuove sonorità e con il futuro della musica tutta. Spesso dimenticato anche da chi ama e segue Umiliani, “Synthi Time” è invece uno dei suoi migliori lavori.

***

“Synthi Time” is perhaps one of the most suitable albums – within Umiliani’s incredibly vast discography – to fully appreciate the composing and experimental genius of the Maestro. For once away from the classic soundtracks that made him popular, this project veers away also from refined works of library music such as “Genti e paesi del mondo” (People and countries of the world) or “Problemi d’oggi” (Today’s issues), released under the moniker of Zalla. In this case, we like to imagine him absorbed in his Sound Work Shop studio, experimenting with synthesizers with the same enthusiasm of a newbie in search of the perfect sound. Without renouncing to pop(ular) elements, Umiliani seems almost to anticipate (or at least to be fully consistent with) the sound research that will characterize the careers of musicians such as Roedelius and Moebius in Germany.

As the same subtitle reveals, this was ‘a new way of making music’ through the use of the electronic synthesizer – this happening in 1971 – with occasional interventions by the spinet and the Hammond organ. And, with the exception of other little masterpieces such as “Il mondo dei Romani” and Tra scienza e fantascienza”, the most ‘avant-garde’ Umiliani can be found here, between tracks such as “Synthi grottesco”, the outstanding “Synthetic Water”, “Synthi pianola” and “Synthi pastorale”, excellent examples of a Maestro exploring new sounds and the future of the music. Often forgotten and overlooked even by those self-proclaimed Umiliani lovers and fans, “Synthi Time” is actually one of his best works.


Tracklist:

Side A:
1.Synthi Theme
2.Synthi Grottesco
3.Arabian Synthetizer
4.Synthi Epico
5.Synthi Dance
6.Synthetic Water
7.Synthi Pastorale

SIDE B
1.Synthi Melody
2.Synthi Waltz
3.Synthi Marcia
4.Synthi Bossa nova
5.Synthi West
6.Synthi Boogie
7.Synthi Pianola

Informazioni Aggiuntive

Artista Piero Umiliani
Catalogo SCEB 930 LP
Etichetta Schema Easy (SCEB)
Formato LP+CD
Anno 2015